Archivi tag: Marcantonio Lunardi

#AImagazine – The Art Review F/W 2017

Lo scorso ottobre è uscito il nuovo numero trimestrale della rivista cartacea #AImagazine – The Art Review, con la copertina dedicata a Paolo Ventura, portfolio e interviste dedicate al lavoro di diversi artisti come, Giuliano Sale, Davide Balula, Marcantonio Lunardi, Carlo Ratti, Stefano Seretta e molti altri ancora.

Per questo numero F/W di quest’anno sono orgogliosa di presentare l’intervista realizzata con il videoartista Marcantonio Lunardi, dal titolo “Il buio oltre la siepe”, con il quale ho potuto affrontare alcune tematiche importanti, come la fotografia in ambito videoartistico e virtuale e il ruolo del paesaggio urbano nella reinterpretazione artistica contemporanea attraverso i nuovi media.

#AImagazine – The Art Review sarà presentato Venerdì 24 al Palazzetto Baviera situato nel meraviglioso centro storico di Senigaglia, alla presenza di Andrea Tinterri // direttore artistico di #AImagazine – The Art Review, Massimiliano Camellini // fotografo, Mario Mariani // musicista. Modera: Luca Zuccala // chief editor di #Artslife.

Un piccolo assaggio su issuu


GRETA’S BOOKS
fine art publishing and services
informazioni: info.gretasbooks@gmail.com
spedizione manoscritti: via Moscova 16 // 20121 // Milano
www.gretaedizioni.com

 

Annunci

10 anni di VIDEOART YEARBOOK a Bologna

Lo scorso mercoledì 8 Luglio è stata presentata nell’Aula Magna di Santa Cristina a Bologna la decima edizione del Videoart Yearbook dell’Università di Bologna. La rassegna, cominciata nel lontano 2006, si è contraddistinta come una tra le più importanti manifestazioni in campo videoartistico, proponendo ogni anno talenti emergenti e già affermati del panorama italiano. Fin dalla prima edizione infatti, in tempi non sospetti, si è dimostrata all’avanguardia sulle modalità di presentazione delle opere videografiche, non più proposte su piccolo schermo all’interno di uno spazio chiuso, ma all’esterno del Chiostro del Complesso di Santa Cristina proiettate su di un grande pannello.

Per festeggiare i suoi dieci anni, il comitato curatoriale composto da Guido Bartorelli, Alessandra Borgogelli, Paquale Fameli, Paolo Granata, Silvia Grandi e Fabiola Naldi, sotto la guida del Professor Renato Barilli, ha proceduto a selezionare alcuni tra i nomi più interessanti comparsi nelle edizioni precedenti, molti dei quali hanno meritato di ricevere l’omaggio di una personale. Questa sfilata di autori di eccellenza riguarda Basmati, Filippo Berta, Michael Fliri, Giovanna Ricotta, Marcantonio Lunardi, Davis Venturelli, cui quindi si è concesso di comparire con opere di una lunghezza maggiore del solito, riducendo così a venti il numero delle presenze globali. Oltre ad essi infatti hanno catturato la mia attenzione le opere del duo CON.TATTO, di Casa a Mare, Audrey Coianiz, Antonio Guiotto e Anna Rossi.

Sia i video che le video-performance sono di forte impatto e originalità, anche nel rispetto di una incredibile varietà di soluzioni giocate sulla sperimentazione di ogni mezzo espressivo proprio della disciplina.

A far da padrino a questa edizione inoltre è Fabio Cavallucci, stimata personalità tra le più importanti del panorama museale nostrano odierno, che laureatosi proprio all’Università di Bologna, ha proseguito con prestigiose collaborazioni e impegni dirigenziali dalla Galleria Civica di Trento al Centro per l’Arte Contemporanea di Varsavia, fino ad arrivare oggi a ricoprire la carica di Direttore del Museo Pecci di Prato.

 

OBJECTS – Memory and addiction by Giovanni Viceconte @ 24th Biennial of Design Ljubljana

Come fanno gli oggetti e i manufatti a creare una sorta dipendenza/attaccamento nell’uomo? Come lo influenzano? Quali sono le possibilità estetico-concettuali che si nascondono dietro ogni prodotto della nostra società globalizzata e dedita al consumismo di massa? Qual’è il potere che gli oggetti hanno su di noi?

Queste potrebbero essere alcune delle domande a cui rispondono le opere dei dodici artisti presenti alla collettiva di videoarte “Object – Memory and addiction“, curata da Giovanni Viceconte e inaugurata ieri presso il MAO – Museo dell’Architettura e del Design di Ljubljana in occasione della 24th Biennial of Design Ljubljana, Slovenia.

Su queste riflessioni incide non poco la dimensione del mezzo videografico utilizzato dagli artisti, che attua una specie di trasformazione “dell’opera-oggetto, in una “immagine/ricordo”, capace di rappresentare qualcosa di posseduto o di raccontare la stratificazione degli infiniti aspetti contenuti in essi – da quello finanziario a quello devozionale-spirituale, da quello industriale-artigianale a quello tecnologico-digitale, da quello collettivo a quello individuale-emozionale – a garanzia della continuità della memoria del proprio sé e della propria identità nel tempo, nonostante la natura mutevole e passeggera di ogni essere umano.”

Visitabile fino al 12 novembre, il percorso espositivo intreccia le opere di Elisabetta Di Sopra, con Temporary del 2013, Alessandro Fonte, con Unisono del 2013, Filippo Berta, con la video performance Happens Everyday del 2012, Shawnette Poe con Un-conditionals del 2014, che lavorano sul concetto di oggetto e manufatto come memoria e testimonianza; mentre la video performance L’invenzione del busto del 2014 di Luigi Presicce, insiste sulla memoria storica e religiosa che un oggetto possa rappresentare come quella degli episodi biblici legati alle Storie della Vera Croce.

L’oggetto diviene poi rappresentazione del nemico e disfacimento fisico e mentale del suo proprietario nell’opera del 2003, The good old  di Andrea Contin e in quella del duo MasbedoTeorema di Incompletezza del 2008, in cui si manifesta in tutta la sua disperazione la violenza dell’uomo verso le cose.

Una visione ironica e divertente degli oggetti ce la danno invece le opere di Anna Franceschini, con They break, before they die, they fly del 2014,  e del duo Goldschmied & Chiari con Objets du désir del 2006, in cui attraverso associazioni d’immagini si suggerisce la relazione tra alcuni oggetti d’uso quotidiano e l’organo sessuale maschile.

Tutt’altra cosa il lavoro di Bianco-Valente,  Entità risonante del 2014 che ruota attorno al concetto di oggetto come generatore di un legame-energia nello spazio per diffondere e veicolare voci e suoni a livello globale.

Il concetto di dipendenza e solitudine determinato da un oggetto di uso quotidiano, è affrontato nell’opera di Marcantonio Lunardi370 new world del 2014, in cui i nuovi mezzi di comunicazione divengono anche i nuovi interlocutori per l’uomo della società odierna provocandone un sempre più accentuato isolamento.

Infine una sperimentazione delle qualità estetiche di diversi oggetti e materiali la ritroviamo nel video di  Diego Zuelli, Tappezzeria del 2011, saggiando diverse combinazioni assecondando i gusti di un ipotetico committente, attento al bello e alle tendenze della moda e del disegno contemporaneo.

www.mao.si | mao@mao.si – Tel: +386 (0)1 548 42 70, +386 (0)1 548 42 80

Nell’ambito del progetto BIO50 } hotel  (nanotourism) – 24th Biennial of DesignLjubljana, Slovenia. http://bio50hotel.tumblr.com | bio50hotel@mao.si – Facebook: BIO50 hotel

LA DANZA DIALOGA CON LA VIDEOARTE

Venerdì 31 ottobre alle ore 19 presso NavigArte – Teatri di Danza e delle Arti

Sconfinamenti tra i linguaggi delle Arti e i Luoghi del quotidiano
Coreografia di Movimento in actor Teatrodanza/Con.Cor.D.A. costruita sul video Public Space (dir: Marcantonio Lunardi, dir. photography: Ilaria Sabbatini, music: Tania Giannouli)

Via del Chiassatello – Corte Sanac 97-98 – Pisa

Marcantonio Lunardi for Waking Dream Arts Exhibition | China

Questo slideshow richiede JavaScript.

Una selezione di foto inviateci dallo staff della mostra Waking Dream inaugurata lo scorso 6 settembre 2014 al COFCO Hongyun Square di Nanjing in Cina e a cui han preso parte anche due opere del videoartista toscano Marcantonio Lunardi, Default e la nuova 370 New World. Quest’ultima di particolare riguardo e considerazione, riscontrando non soltanto il favore del pubblico cinese ma anche quello del Professor Peng Feng, dell’Università di Peking, famoso critico d’arte in Cina nonché curatore della 2nd Xinjiang International Art Biennale, 2014 dal titolo Encountering: New Art on the Silk Road a Urumqi.

Per maggiori info visitate il blog dell’artista -> http://blog.marcantonio.eu/?p=2254

Venerdì 5 inaugura VIDEOSCAPE @ Palazzo Tucci | Lucca

VIDEOSCAPE

Un dialogo tra illusione e realtà nelle sale storiche di Palazzo Tucci

A dialogue between illusion and reality in the historical context of Palazzo Tucci

a cura di | curated by

Alessandra Ioalé

Dal 5 al 28 Settembre 2014

Palazzo Tucci Lucca

Inaugurazione Venerdì 5 Settembre ore 18

From 5th to 28th September 2014

Palazzo Tucci Lucca

Opening night Venerdì 5 Settembre 6 pm

Progetto espositivo di videoarte nell’ambito del Settembre Lucchese con opere di

Filippo Berta, Salvatore Insana, Cristina Picchi, Con.Tatto, Marcantonio Lunardi, Marco Morandi

e il video

Vivere la differenza

realizzato dalla 5B del Liceo delle Scienze Sociali dell’ISI Machiavelli di Lucca

 

An exhibition of videoart in the context of Settembre Lucchese works by

Filippo Berta, Salvatore Insana, Cristina Picchi, Con.Tatto, Marcantonio Lunardi, Marco Morandi

and the video

“Vivere la differenza”

realised by 5B del Liceo delle Scienze Sociali dell’ISI Machiavelli di Lucca

COMUNICATO STAMPA

Nell’ambito della storica manifestazione del Settembre lucchese, Lucca La Fiera insieme alla Cooperativa Civico 1, all’Associazione ReaLab e a Palazzo Tucci Residenza d’epoca promuovono il progetto espositivo Videoscape, la collettiva di videoarte a cura di Alessandra Ioalé, che grazie alla collaborazione del Professor Paolo Granata dell’Università di Bologna, porta le opere di sei giovani videoartisti italiani di livello internazionale, all’interno della magnifica cornice storica delle Sale di rappresentanza di Palazzo Tucci di Lucca.  Il progetto che inaugura il prossimo 5 settembre sotto il patrocinio della Provincia di Lucca vede le personalità di Filippo Berta, Salvatore Insana, Cristina Picchi, Con.Tatto,Marcantonio Lunardi e Marco Morandi, confrontarsi con le specificità degli spazi posti al piano terra di uno degli storici palazzi del centro storico di Lucca, le cui pareti interne sono caratterizzate dal ciclo decorativo risalente alla tradizione pittorica quadraturista lucchese di fine settecento. Un dialogo insolito e creativo che si instaura tra realtà registrata e realtà dipinta, tra riproduzione del reale e manipolazione del reale, in cui l’elemento “paesaggio” diviene protagonista di un confronto/scontro sull’ambiguo confine tra ciò che è contemporaneamente concreto e illusione, realtà e finzione, registrazione e dissimulazione, generando un environment di parallelismi tra diverse tipologie di “paesaggio”, quello interiore da cui si vuol fuggire o in cui ci si vuol nascondere; quello esterno che ci circonda, in cui e che viviamo quotidianamente. Da questo spunto riflessivo nasce anche la volontà di inserire, a termine del percorso espositivo, un altro video, primo esperimento e approccio alla video creazione ad opera dei ragazzi della 5B del Liceo delle Scienze Sociali di Lucca, a seguito di un percorso didattico-formativo che ha fatto scoprire loro nuovi mezzi creativi, quelli videografici appunto, per dar voce e immagine a temi forti come quello della differenza e dell’uguaglianza di idee, culture, razze, coi quali questi ragazzi si confrontano costantemente e per i quali avevano esigenza di esprimere dopo una lunga riflessione.

PRESS RELEASE

In the context of the traditional festival Settembre lucchese, Lucca La Fiera with the Cooperativa Civico 1,the cultural society ReaLab and Palazzo Tucci Residenza depoca promote the exhibition Videoscape, the collective exhibition of videoart by Alessandra Ioalé which, thanks to the collaboration of Professor Paolo Granata of the University of Bologna, will bring the works of six young Italian internationally renowned video artists in the magnificent context of the historical boardrooms of Palazzo Tucci in Lucca. The opening ceremony of this project will take place the next 5th September, under the patronage of the Provincia di Lucca; Filippo Berta, Salvatore Insana, Cristina Picchi, Con.Tatto, Marcantonio Lunardi and Marco Morandi, will relate themselves with the peculiarity of the ground floor of one of the most famous palaces in the historical centre of Lucca, whose walls are are decorated with a series of quadratures, panels belonging to the artistic tradition of Lucca at the end of XVIII Century. An unusual and creative dialogue will be created between a recorded reality and a painted reality, between the reproduction of reality and the manipulation of reality, where the  the landscape becomes the protagonist of a debate/dispute on the unclear border between what is at the same time reality and illusion, reality and fiction, recording and concealment, creating an environment of comparisons between the different types of “landscape”, the inner one, from which one would like to escape or in which one would like to hide; the external one which surrounds us, in which we live daily. This reflection lead to the desire of introducing, and the end of the exhibition, another video, which is the first approach and experiment with the video art of the young students of the 5B del Liceo delle Scienze Sociali di Lucca, following a didactic path which made them discover new creative devices, the video and graphic ones, in order to express some themes of social concern such as the differences and similarities between ideas, cultures, people with which the youngsters confront themselves constantly and which they wanted to express after a long reflection. 

 

Informazioni e Contatti | Info. and Contacts

Palazzo Tucci Residenza d’epoca

Via Cesare Battisti 13 Lucca

Tel. +39 0583 464279 | www.palazzotucci.com

 

VIDEOSCAPEwww.videoscape.org

 

Ingresso libero | Free entry

“370 New World” selected for Cologne OFF 2014 Ecuador @ MIVA – Muestra Internacional de Videoarte Quito/Ecuador

logoMIVA2014-01

La nuova opera di Marcantonio Lunardi selezionata per Cologne OFF 2014 Ecuador @ MIVA – Muestra Internacional de Videoarte Quito/Ecuador

The new work by Marcantonio Lunardi selected for Cologne OFF 2014 Ecuador @ MIVA – Muestra Internacional de Videoarte Quito/Ecuador

COMUNICATO STAMPA

PRESS RELEASE

Si annuncia con piacere che, in occasione del 10th anniversario di Cologne OFF – Cologne International Videoart Festival, la nuova opera video “370 New World” di Marcantonio Lunardi è stata selezionata per la mostra Cologne OFF XP 2014, a cura di Wilfried Agricola de Cologne, per il Cologne OFF 2014ll’interno del MIVA – Muestra Internacional de Videoarte Quito/Ecuador, altra grande manifestazione dedicata alla videoarte internazionale.

370 New World è l’ultimo lavoro realizzato dal videoartista italiano in collaborazione con la compositrice greca Tania Giannouli, di cui ha curato la colonna sonora, che riflette sulla nuova solitudine creato dalla crisi economica e sociale che ha attraversato tutta l’Europa negli ultimi dieci anni. L’isolamento umano che viene visualizzato allo spettatore è ormai parte della vita quotidiana di molte persone. L’autore presenta così il suo lavoro creativo come una sorta di specchio in cui lo spettatore può riconoscere alcuni particolari della propria vita. Nonostante il video si concentra sul nuovo media, Lunardi non vuole fare alcuna accusa. Il lavoro, infatti, è posto al di là della discussione comune che stigmatizza le reti sociali e tecnologia. L’autore cerca semplicemente di mettere in evidenza le diverse solitudini che circondano i vari personaggi che vivono nel suo lavoro.

With pleasure we announce that, in the occasion of the 10th anniversary of Cologne OFF – Cologne International Video Art Festival, the new video work “370 New World” by Marcantonio Lunardi is selected for the exhibition Cologne OFF XP 2014, curated by Wilfried Agricola de Cologne, for Cologne OFF 2014 Ecuador in exhibition inside of MIVA – Muestra Internacional de Videoarte Quito/Ecuador.

370 New World is the last work realized by the Italian videoartist in collaboration with the Greek composer, Tania Giannouli, of which has cured the soundtrack, that reflects on the new solitude created by the economic and social crisis which crossed the whole Europe in the last ten years. The human isolation which is displayed to the spectator is, by now, part of the everyday life of many people. The author thus introduces his creative work as a kind of mirror in which the spectator may recognise some details of his or her own life. Despite the video focuses on the new media, Lunardi does not want to make any accusation. The work, in fact, is placed beyond the commonplace debate which stigmatizes technology and the social networks. The author simply tries to put in evidence the different solitudes which surround the various characters who live in his work.

http://www.marcantonio.eu | http://vimeo.com/marcantonio