Archivi categoria: Videoart

LA DANZA DIALOGA CON LA VIDEOARTE

Venerdì 31 ottobre alle ore 19 presso NavigArte – Teatri di Danza e delle Arti

Sconfinamenti tra i linguaggi delle Arti e i Luoghi del quotidiano
Coreografia di Movimento in actor Teatrodanza/Con.Cor.D.A. costruita sul video Public Space (dir: Marcantonio Lunardi, dir. photography: Ilaria Sabbatini, music: Tania Giannouli)

Via del Chiassatello – Corte Sanac 97-98 – Pisa

Marcantonio Lunardi for Waking Dream Arts Exhibition | China

Questo slideshow richiede JavaScript.

Una selezione di foto inviateci dallo staff della mostra Waking Dream inaugurata lo scorso 6 settembre 2014 al COFCO Hongyun Square di Nanjing in Cina e a cui han preso parte anche due opere del videoartista toscano Marcantonio Lunardi, Default e la nuova 370 New World. Quest’ultima di particolare riguardo e considerazione, riscontrando non soltanto il favore del pubblico cinese ma anche quello del Professor Peng Feng, dell’Università di Peking, famoso critico d’arte in Cina nonché curatore della 2nd Xinjiang International Art Biennale, 2014 dal titolo Encountering: New Art on the Silk Road a Urumqi.

Per maggiori info visitate il blog dell’artista -> http://blog.marcantonio.eu/?p=2254

Venerdì 5 inaugura VIDEOSCAPE @ Palazzo Tucci | Lucca

VIDEOSCAPE

Un dialogo tra illusione e realtà nelle sale storiche di Palazzo Tucci

A dialogue between illusion and reality in the historical context of Palazzo Tucci

a cura di | curated by

Alessandra Ioalé

Dal 5 al 28 Settembre 2014

Palazzo Tucci Lucca

Inaugurazione Venerdì 5 Settembre ore 18

From 5th to 28th September 2014

Palazzo Tucci Lucca

Opening night Venerdì 5 Settembre 6 pm

Progetto espositivo di videoarte nell’ambito del Settembre Lucchese con opere di

Filippo Berta, Salvatore Insana, Cristina Picchi, Con.Tatto, Marcantonio Lunardi, Marco Morandi

e il video

Vivere la differenza

realizzato dalla 5B del Liceo delle Scienze Sociali dell’ISI Machiavelli di Lucca

 

An exhibition of videoart in the context of Settembre Lucchese works by

Filippo Berta, Salvatore Insana, Cristina Picchi, Con.Tatto, Marcantonio Lunardi, Marco Morandi

and the video

“Vivere la differenza”

realised by 5B del Liceo delle Scienze Sociali dell’ISI Machiavelli di Lucca

COMUNICATO STAMPA

Nell’ambito della storica manifestazione del Settembre lucchese, Lucca La Fiera insieme alla Cooperativa Civico 1, all’Associazione ReaLab e a Palazzo Tucci Residenza d’epoca promuovono il progetto espositivo Videoscape, la collettiva di videoarte a cura di Alessandra Ioalé, che grazie alla collaborazione del Professor Paolo Granata dell’Università di Bologna, porta le opere di sei giovani videoartisti italiani di livello internazionale, all’interno della magnifica cornice storica delle Sale di rappresentanza di Palazzo Tucci di Lucca.  Il progetto che inaugura il prossimo 5 settembre sotto il patrocinio della Provincia di Lucca vede le personalità di Filippo Berta, Salvatore Insana, Cristina Picchi, Con.Tatto,Marcantonio Lunardi e Marco Morandi, confrontarsi con le specificità degli spazi posti al piano terra di uno degli storici palazzi del centro storico di Lucca, le cui pareti interne sono caratterizzate dal ciclo decorativo risalente alla tradizione pittorica quadraturista lucchese di fine settecento. Un dialogo insolito e creativo che si instaura tra realtà registrata e realtà dipinta, tra riproduzione del reale e manipolazione del reale, in cui l’elemento “paesaggio” diviene protagonista di un confronto/scontro sull’ambiguo confine tra ciò che è contemporaneamente concreto e illusione, realtà e finzione, registrazione e dissimulazione, generando un environment di parallelismi tra diverse tipologie di “paesaggio”, quello interiore da cui si vuol fuggire o in cui ci si vuol nascondere; quello esterno che ci circonda, in cui e che viviamo quotidianamente. Da questo spunto riflessivo nasce anche la volontà di inserire, a termine del percorso espositivo, un altro video, primo esperimento e approccio alla video creazione ad opera dei ragazzi della 5B del Liceo delle Scienze Sociali di Lucca, a seguito di un percorso didattico-formativo che ha fatto scoprire loro nuovi mezzi creativi, quelli videografici appunto, per dar voce e immagine a temi forti come quello della differenza e dell’uguaglianza di idee, culture, razze, coi quali questi ragazzi si confrontano costantemente e per i quali avevano esigenza di esprimere dopo una lunga riflessione.

PRESS RELEASE

In the context of the traditional festival Settembre lucchese, Lucca La Fiera with the Cooperativa Civico 1,the cultural society ReaLab and Palazzo Tucci Residenza depoca promote the exhibition Videoscape, the collective exhibition of videoart by Alessandra Ioalé which, thanks to the collaboration of Professor Paolo Granata of the University of Bologna, will bring the works of six young Italian internationally renowned video artists in the magnificent context of the historical boardrooms of Palazzo Tucci in Lucca. The opening ceremony of this project will take place the next 5th September, under the patronage of the Provincia di Lucca; Filippo Berta, Salvatore Insana, Cristina Picchi, Con.Tatto, Marcantonio Lunardi and Marco Morandi, will relate themselves with the peculiarity of the ground floor of one of the most famous palaces in the historical centre of Lucca, whose walls are are decorated with a series of quadratures, panels belonging to the artistic tradition of Lucca at the end of XVIII Century. An unusual and creative dialogue will be created between a recorded reality and a painted reality, between the reproduction of reality and the manipulation of reality, where the  the landscape becomes the protagonist of a debate/dispute on the unclear border between what is at the same time reality and illusion, reality and fiction, recording and concealment, creating an environment of comparisons between the different types of “landscape”, the inner one, from which one would like to escape or in which one would like to hide; the external one which surrounds us, in which we live daily. This reflection lead to the desire of introducing, and the end of the exhibition, another video, which is the first approach and experiment with the video art of the young students of the 5B del Liceo delle Scienze Sociali di Lucca, following a didactic path which made them discover new creative devices, the video and graphic ones, in order to express some themes of social concern such as the differences and similarities between ideas, cultures, people with which the youngsters confront themselves constantly and which they wanted to express after a long reflection. 

 

Informazioni e Contatti | Info. and Contacts

Palazzo Tucci Residenza d’epoca

Via Cesare Battisti 13 Lucca

Tel. +39 0583 464279 | www.palazzotucci.com

 

VIDEOSCAPEwww.videoscape.org

 

Ingresso libero | Free entry

“370 New World” selected for Cologne OFF 2014 Ecuador @ MIVA – Muestra Internacional de Videoarte Quito/Ecuador

logoMIVA2014-01

La nuova opera di Marcantonio Lunardi selezionata per Cologne OFF 2014 Ecuador @ MIVA – Muestra Internacional de Videoarte Quito/Ecuador

The new work by Marcantonio Lunardi selected for Cologne OFF 2014 Ecuador @ MIVA – Muestra Internacional de Videoarte Quito/Ecuador

COMUNICATO STAMPA

PRESS RELEASE

Si annuncia con piacere che, in occasione del 10th anniversario di Cologne OFF – Cologne International Videoart Festival, la nuova opera video “370 New World” di Marcantonio Lunardi è stata selezionata per la mostra Cologne OFF XP 2014, a cura di Wilfried Agricola de Cologne, per il Cologne OFF 2014ll’interno del MIVA – Muestra Internacional de Videoarte Quito/Ecuador, altra grande manifestazione dedicata alla videoarte internazionale.

370 New World è l’ultimo lavoro realizzato dal videoartista italiano in collaborazione con la compositrice greca Tania Giannouli, di cui ha curato la colonna sonora, che riflette sulla nuova solitudine creato dalla crisi economica e sociale che ha attraversato tutta l’Europa negli ultimi dieci anni. L’isolamento umano che viene visualizzato allo spettatore è ormai parte della vita quotidiana di molte persone. L’autore presenta così il suo lavoro creativo come una sorta di specchio in cui lo spettatore può riconoscere alcuni particolari della propria vita. Nonostante il video si concentra sul nuovo media, Lunardi non vuole fare alcuna accusa. Il lavoro, infatti, è posto al di là della discussione comune che stigmatizza le reti sociali e tecnologia. L’autore cerca semplicemente di mettere in evidenza le diverse solitudini che circondano i vari personaggi che vivono nel suo lavoro.

With pleasure we announce that, in the occasion of the 10th anniversary of Cologne OFF – Cologne International Video Art Festival, the new video work “370 New World” by Marcantonio Lunardi is selected for the exhibition Cologne OFF XP 2014, curated by Wilfried Agricola de Cologne, for Cologne OFF 2014 Ecuador in exhibition inside of MIVA – Muestra Internacional de Videoarte Quito/Ecuador.

370 New World is the last work realized by the Italian videoartist in collaboration with the Greek composer, Tania Giannouli, of which has cured the soundtrack, that reflects on the new solitude created by the economic and social crisis which crossed the whole Europe in the last ten years. The human isolation which is displayed to the spectator is, by now, part of the everyday life of many people. The author thus introduces his creative work as a kind of mirror in which the spectator may recognise some details of his or her own life. Despite the video focuses on the new media, Lunardi does not want to make any accusation. The work, in fact, is placed beyond the commonplace debate which stigmatizes technology and the social networks. The author simply tries to put in evidence the different solitudes which surround the various characters who live in his work.

http://www.marcantonio.eu | http://vimeo.com/marcantonio

“The Choir” officially selected @ Kansk Video Festival Russia | Marcantonio Lunardi News

Confirmed the presence of the videoartist Marcantonio Lunardi in one of the most important international festivals that promotes new names of the video and film of the independent scene, the International Kansk Video Festival, that will be held from 23 to 30 August. Lunardi will take part in the XIII edition of the Festival, titled Fathers & Sons, with a of his most successful video creations, “The Choir“. The work, which won the Bronze Prize Hrabal 2014, is also on display, for the artist solo show “Show Can’t Go On” to Lu.C.C.A. Lucca Center of Contemporary Art, along with other masterpieces such as “370 New World” last work realized in collaboration with the Greek composer Tania Giannouli.

manifesto kansk

The Festival

International Kansk Video Festival (Russia/Siberia) is not a conventional film festival. It is an experiment in time and space. The small Siberian city of Kansk, was found on the Internet by chance and selected as its name correlates with the Cannes Film Festival, Kansk in the Russian language is pronounced the same as Cannes. 

Since 2002 in the depths of Siberia the festival happens annually. Far way from the Côte d`Azur to the severe Taiga climate, 7000 km from London, 4500 km from Moscow and 300 km from Krasnoyarsk by ‘Irons Road’, and the Trans-Siberian Railway. In an area full of wonderful and brave Siberian people, pelmeni, cedar nuts, even buses reminiscent to the old school buses of a long lost Soviet a place full magic.

The Kansk Video festival has grown immeasurably from it’s 2002 beginnings, each year it hosts an international jury from the industry and artistic communities, running international film and video-art competitions with a special screenings program and a bank of ideas for a further 150 years of the festivals future. The festival promotes new names of independent and uncompromising video and filmmakers, new genres, new cinema trends.

http://www.festival-cannes.ru

Marcantonio Lunardi @ ISDN ’14 – 12° International Festival Signes de Nuit

E’ stata confermata pochi giorni fa la presenza del videoartista Marcantonio Lunardi a uno dei più importanti Festival europei sulla cinematografia sperimentale e creazione audiovisiva, l’International Festival Signes de Nuit Paris-Berlin al quale Lunardi parteciperà, dal 29 Luglio al 3 Agosto, con la sua ultima creazione video, 370 New World, realizzato in collaborazione con la compositrice greca Tania Giannouli.

Opere in concorso

Il Festival, arrivato alla sua 12° edizione e organizzato a Parigi e in giro per il mondo, raggruppa film dall’immaginario originale e dallo sguardo critico sulla condizione umana.

“Signes de nuit diventa il luogo e l’istante di un cinema che sposta di continuo i propri limiti. Un cinema che sorprende, differente, libero da tutte le pressioni imposte dalla tradizione e pronto a intraprendere il cammino della sperimentazione.”

Il festival propone creazioni audiovisive di diverse forme e orizzonti, che sperimentano nuovi linguaggi estetici affrontando tematiche differenti e problemi della nostra società contemporanea. L’obiettivo del festival, e dei films che promuove, è di creare una comunicazione globale che si distingua da quella semplicista degli abituali media di massa. Le opere proposte si presentano, su diversi aspetti, come un lavoro originale: suono, colonna sonora, immagine, movimento, ritmo, testo, illuminazione e spazi. Il loro scopo non è solo estetico, ma mira ad una comunicazione, alla comprensione da parte di un pubblico eterogeneo, sensibilizzandolo a spazi culturali differenti e spesso alternativi. Si può dire che si tratti di “cinema impegnato”.

Preservare uno spazio culturale libero è l’obiettivo principale del Festival Signes de nuit. Le proiezioni si svolgono in 29 paesi differenti tra questi: Algeria, Germania, Australia, Brasile, Cile, Cuba, Usa, Ungheria, Indonesia, Giappone, Libano, Lituania, Turchia, Perù, Slovenia, Tunisia, Russia. Lo scopo è di creare una comunicazione internazionale diventando mediatore di una sensibilizzazione tra i diversi modi di vivere, tra le diverse modalità di espressione, fisica e mentale, e tra le diverse condizioni sociali. Così, riserviamo un importanza particolare al modo in cui, in tutto il mondo, l’arte assorbe le trasformazioni tecniche e culturali della società coeva. I media cinematografici e audiovisivi si prestano perfettamente a questo scambio e un festival può canalizzare questo importante progetto culturale. Signes de Nuit, non è solo un festival tra i tanti. Ha l’ambizione di creare un forum culturale, una piattaforma di comunicazione che non sia quella dei media di massa, Facebook…etc

http://www.signesdenuit.com

“Show can’t go on” | Personale di Marcantonio Lunardi @ Lu.C.C.A.

Altro importante traguardo per il noto videoartista Marcantonio Lunardi che vede tre delle sue opere video di maggior successo, “370 New World”, “The choir” e “Default” riunite per la personale dal titolo “Show can’t go on”, a cura di Maurizio Vanni. Tre video che ragionano su tre tematiche diverse ma complementari e riportano ad un’amara riflessione sul mondo di oggi, proiettati nella Sala Videoarte del Lu.C.C.A. dal 5 luglio al 5 ottobre 2014 (ingresso libero). 

Frustrazione, isolamento, perdita di identità, disincanto, sconvolgimento dei valori primordiali, eccessivo e passivo utilizzo della tecnologia, omologazione verso le scelte di massa, consapevolezza dell’essere attraverso l’apparire: sono queste le sensazioni percepite da chi osserva in modo critico la quotidianità del terzo millennio. “Una prigionia non necessariamente fisica – scrive Vanni – che ci fa sentire lontani da ogni forma di cultura e, al tempo stesso, trasforma lo specchio in qualcosa che riflette impietosamente l’immagine della confusione che ci pervade. Non riusciamo a vedere oltre e la comunicazione 2.0 diventa un metadone che accentua la solitudine dell’anima. Per sentirci meno soli ci buttiamo sulla televisione, unica vera fonte di ciò che chiamiamo realtà. Lo show business è degenerato e pretende di fidelizzarci con un finto sapere facile e popolare: tutto sembra alla nostra portata e ci fa sentire importanti, ma in realtà ci sta trascinando in una dimensione di sola superficie. Perfino le arti, per poter essere considerate tali, devono fingere di provenire da un monitor”. 
Che cosa deve fare l’uomo per riprendersi la propria vita? Deve ricominciare a sognare, a coltivare coscienti illusioni e a credere nel futuro? Marcantonio Lunari ci sta raccontando la favola vera della vita del qui e ora. Andiamo a cercare nelle sue immagini perché “Show can’t go on”. 

Sulla figura di Marcantonio Lunardi rimando QUI all’ultima intervista che Silvia Giordano ha fatto all’artista per Artribune, e QUI all’intervista di Simone Rebora su Espoarte.

SINOSSI VIDEO: 

370 NEW WORLD (05′:08”) 
370 New World è un’opera sulla solitudine generata dalla crisi sociale ed economica che ha attraversato l’Europa negli ultimi dieci anni. L’isolamento umano che viene mostrato allo spettatore è ormai parte integrante del vivere quotidiano di molte persone. L’autore propone la sua creazione come uno specchio in cui l’osservatore può riconoscere alcuni aspetti della propria vita. 

THE CHOIR (04’:13”) 
Il coro vuole tradurre in immagini la distruzione della civiltà della cultura a beneficio della civiltà dello spettacolo o meglio del consumo. Ciò che non è televisivo non esiste poiché, oggi, il monitor è l’unica interfaccia attraverso cui si dà diffusione a quello che rimane della cultura. Il mondo del tubo catodico prende il sopravvento sui libri, sul teatro, sui luoghi di cultura, su tutti quei mezzi che veicolano conoscenza. La televisione è diventata una madre matrigna cannibalizzando tutto e privando dell’esistenza quello che non passa attraverso i suoi canali. 

DEFAULT (02’53”) 
Default è un’opera sulla disillusione di un sistema arrivato a un punto di svolta. Un uomo, da solo, siede in mezzo alle macerie di una fabbrica abbandonata davanti a un telefono. La sua mano stringe la cornetta e la porta all’orecchio. A rispondergli è una serie di segreterie telefoniche, i cui toni metallici, come un filtro tra lo Stato e i cittadini, lo convogliano in una sospensione vitale fatta soltanto di attesa. La telefonata diviene un evento metafisico, come una preghiera a un’entità senza volto e senza nome della cui risposta non si può più essere certi. 

Brevi note biografiche di Marcantonio Lunardi 
Dal 2001 si è occupato di documentazione sociale e politica lavorando nel settore Media Art creando installazioni, documentari e opere di videoarte. Dopo i master al Festival dei Popoli di Firenze con Michael Glawogger, Sergei Dvortsevoy, Thomas Heis e Andrés Di Tella ha iniziato un percorso nel cinema delle immagini in movimento sperimentando linguaggi al confine tra il cinema del reale e la videoarte. Le sue opere sono state esposte in prestigiose istituzioni internazionali come The National Art Center di Tokyo, la Galeri Nasional Indonesia di Jakarta, la Fondazione Centro Studi Ragghianti di Lucca, il Video Tage Center di Hong Kong e in molti festival di cinema sperimentale e videoarte come Cologne Off, Festival Internacional de Cine y Video Experimental di Bilbao, OCAT Shanghai, Cairo Video Festival (Egitto), Festival Invideo di Milano, Video Art & Experimental Film Festival di New York City. 

Ufficio stampa 
Addetta Stampa Lu.C.C.A. 
Michela Cicchinè +39 339.2006519 | m.cicchine@luccamuseum.com 

Inaugurazione 5 luglio 

Lu.C.C.A – Lucca Center of Contemporary Art 
via della Fratta 36, Lucca – Toscana. 
Orario: da martedì a domenica 10-19. 
Ingresso libero.