Un’arte che sa parlare direttamente al cuore. Il potere del tratto inciso nell’opera di Silvia Rocchi | Intervista per Pagina Q

Intervista di Alessandra Ioalé per Pagina Q

È la prima volta che realizzo un’intervista a un autore di fumetti, ma come si dice “mai dire mai”, nella vita c’è sempre una prima volta. Per mia fortuna e grande piacere, il mio battesimo è con la giovane autrice Silvia Rocchi, che si appresta a portare, questo Sabato 22, al Cinema Caffé Lanteri di Pisa la mostra degli originali, con le relative matrici xilografiche, tratti dalla sua ultima fatica, L’esistenza delle formiche un omaggio a fumetti su Tiziano Terzani edito da BeccoGiallo, di cui è prevista una bella presentazione dalle ore 18.30 nella Redrum del Lanteri.

Ciao Silvia. Prima di tutto parlaci un po’ di te, dei tuoi inizi nel fumetto e dei tuoi studi.

Ciao Alessandra, come prima cosa posso dire che ho sempre avuto una grande passione per il fumetto pur non essendo molto attratta da quello classico, mi mancano infatti molte delle letture fondamentali. Nonostante questo sono cresciuta con l’idea che è il mezzo ideale per raccontare, quantomeno per me. Ho una formazione accademica, ho studiato prima pittura poi illustrazione, tra Firenze e Bologna, per poi arrivare all’incisione frequentando per alcuni mesi la stamperia Il Bisonte. Questo ha fatto sì che all’interno delle pagine di un racconto mi senta libera di usare una tecnica piuttosto che un’altra, cercando di gestirle nel formato libro.

La tua ultima pubblicazione, L’esistenza delle formiche, è la graphic novel omaggio a Tiziano Terzani. Una figura molto importante del nostro tempo e di grande spessore culturale. Come hai deciso di affrontare la traduzione per immagini di un così complesso autore?

Quando BeccoGiallo mi ha proposto di lavorare sulla sua vita, di plasmare le sue vicende in qualcosa che somigliasse al precedente (Ci sono notti che non accadono mai, l’omaggio per Alda Merini), ho avuto non poche difficoltà. Raccontare la sua vita, voleva dire comprendere molto meglio alcuni passaggi storici che personalmente non avevo quasi mai approfondito. Uso una  parola banale per dire che sono stata “fortunata” a ricevere questa proposta, perché è stato un arricchimento notevole. Ho amalgamato il conosciuto con lo sconosciuto arrivando a volte a capire meglio certi avvenimenti della nostra storia recente, come le guerre in Medio Oriente.

Al tempo stesso nel momento della stesura del racconto, non volevo che sembrasse una Garzantina della seconda metà del ’900 – asiatico per lo più – e mi sono quindi aggrappata letteralmente al lavoro precedente, usando lo stesso modus operandi: pescare qua e là dai suoi libri in modo cronologico per ripercorrere la sua storia. Ho cercato di restituire le atmosfere nelle quali si muoveva, anche se non avendo mai visto o vissuto in certi posti a volte è stato un po’ strano.

Il titolo dell’opera trae ispirazione da una teoria, che cita Terzani quando ne La fine è il mio inizio parlando della sua esperienza in Asia, dice che “se diventi esperto di formiche, arrivi a capire il mondo”. Ce ne puoi parlare?

Questo titolo è una buona scelta, perché mette d’accordo i vari lettori di Terzani. Si riferisce a quell’attenzione per i dettagli che visti nel loro insieme ti fanno capire come gira una situazione, una giostra o una parte di mondo.

Al proposito c’è un articolo molto bello pubblicato dal Corriere della Sera nel ’97 e raccolto alla fine di In Asia, in cui parla dell’Orsigna, il paese sull’Appennino pistoiese, al quale è stato da sempre molto legato e dove ha trascorso gli ultimi anni della sua vita. Riporta un proverbio cinese molto corto che recita “guardare i fiori dal dorso di un cavallo”, e poi continua: ..in venticinque anni d’Asia, ho visto tanti fiori, a volte straordinari, ma dall’alto di un cavallo, sempre di corsa, sempre a distanza, senza troppo tempo per soffermarmici. Gli orsignani hanno visto pochi fiori, forse piccoli, ma ci sono stati accanto, li hanno visti sbocciare, crescere, morire. E di quello straordinario ciclo della vita sono diventati esperti. E liberi, anche dalla morte.

Potrete continuare a leggere l’intera intervista QUI su Pagana Q!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...